La Calabria invece dei Bronzi di Riace manda all’Expo 2015 il “Muscolo di Grano”

MUSCOLO_DI_GRANO_-_L'INVENTORE_ENZO_MARASCIO_TAGLIA_LA_PORCHETTACi sono nel corso dei millenni alcune scoperte che hanno segnato una svolta in settori strategici dell’Umanità. Tale può essere considerata la scoperta effettuata da Enzo Marascio, 64 anni, calabrese di Isca sullo Jonio, in provincia di Catanzaro, riguardante il “Muscolo di Grano” un brevetto che il suo autore ha intenzione di affidare ad un ente mondiale come la F.A.O. oppure O.M.S. all’UNICEF, tutte e tre note agenzie dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per contribuire sfamare e a meglio nutrire il mondo, specialmente i bambini.

 Infatti, il “Muscolo di Grano” è destinato a diventare la carne del futuro, quella più nutriente e salutare, quella che potrà diventare presto vero “patrimonio dell’Umanità” potendo essere più facilmente diffusa e distribuita davvero ovunque e con minima spesa, in particolare nei paesi poveri presso le popolazioni denutrite, garantendo soprattutto ai bambini migliori speranze di vita e di futuro… mentre possono adottarla i paesi opulenti perché garantisce più salute.

 MUSCOLO_DI_GRANO_-_AFFETTATIL’Università delle Generazioni afferma: “Se la scoperta del “Muscolo di Grano” verrà presa in mano dalla F.A.O.  oppure dall’UNICEF (specialmente se in stretta collaborazione con l’Organizzazione Mondiale della Sanità) il suo “inventore” Enzo Marascio sarà sicuramente uno dei prossimi candidati al Premio Nobel per la Pace, dal momento che gli alimenti genuini, sani e altamente nutrivi e facili da produrre e da distribuire potranno contribuire a ridurre o addirittura a risolvere, con efficacia e più agevolmente, il dramma della fame nel mondo e gran parte dei problemi che purtroppo ne derivano e potranno contribuire a salvare i paesi più ricchi e nutriti”.

 Dimostrazioni del multiforme utilizzo e dei grandi benefici della scoperta del “Muscolo di Grano” saranno date durante l’imminente EXPO 2015 di Milano incentrata proprio sull’alimentazione del nostro pianeta, ma ne potremo avere una preziosa ed emblematica anteprima nel corso della trasmissione di Rai Uno “Linea Verde Orizzonti” che andrà in onda dalle ore 11 alle ore 12 del prossimo sabato 11 aprile. Infatti, la Calabria manda all’EXPO 2015 il “Muscolo di grano” invece dei Bronzi di Riace, che erano stati chiesti come attrattiva sublime della manifestazione.

MUSCOLO_DI_GRANO_-_PORCHETTA Il “Muscolo di Grano” è un sistema nutrizionale basato sulla farina “grano duro Cappelli” (speciale cultivar selezionato a Foggia nel 1915) che permette di ottenere delle carni vegetali, con tecniche oggetto di brevetto e con una speciale lavorazione di ingredienti associati come farina di legumi, olio extra-vergine di oliva, sale e varie spezie. Le carni così ottenute in modo assolutamente naturale, oltre a risultare assai gustose al palato, hanno molte proprietà salutari e nutrizionali e sono consigliate indistintamente per tutti (non soltanto, quindi, a vegetariani e vegani) ma in particolare a chi deve combattere diabete, colesterolo ed altre malattie metaboliche pericolose ed invalidanti che hanno origine pure nella cattiva o eccessiva nutrizione nei Paesi ricchi e nella malnutrizione o fame nei Paesi poveri. A favore di questa “carne di grano” si sono espresse Università (come Milano ed Urbino), ospedali (specialmente pediatrici), scuole alberghiere, ristoratori, comunità, ma anche dietologi, famiglie e singoli individui che attingono a tali prodotti direttamente allo stabilimento di Isca Marina, nelle fiere e tramite internet, dal momento che ancora il “Muscolo di Grano” non ha una distribuzione commerciale capillare sul territorio, essendo ancora un prodotto di nicchia, benché consolidato da oltre 20 anni di ricerche e di produzione.

 In tutte queste molteplici proprietà nutrizionali e lungimiranti consistono le potenzialità davvero mondiali e la inestimabile rilevanza sociale di questa sorprendente, decisiva e benemerita scoperta alimentare di Enzo Marascio, il quale, ex-commercialista, è approdato al “Muscolo di Grano” per risolvere suoi personali gravi problemi di salute. Adesso dà lavoro a 18 persone  ed è corteggiato da parecchie multinazionali per la commercializzazione globale dei suoi prodotti … però il suo sogno è, appunto, quello di contribuire a risolvere i gravi problemi legati al riequilibrio nutrizionale dei popoli affidando il “Muscolo di Grano” ad un organismo mondiale e sopra le parti come la FAO, l’UNICEF o l’OMS. Sicuramente “il muscolo di grano” avrà un grande ed importante futuro!

 Redatto da Domenico Lanciano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *