Soverato – Domenica 8 Giugno il “Don Rua day”

Il “Don Rua day” è una festa divenuta ormai una tradizione non solo per la scuola salesiana,  ma per l’ intera città di Soverato.  Quest’anno  si svolgerà domenica 8 giugno a partire dalle ore 19,30  nel cortile dell’ Istituto Salesiano “Sant’ Antonio da Padova”.

 La festa liturgica dedicata al Beato Michele Rua,  fondatore della casa salesiana di Soverato,  ricorre il 29 ottobre, ma è stata posticipata perché, nello stesso periodo,la comunità soveratese ha vissuto un altro evento gioioso e straordinario: accogliere  e ospitare l’Urna di Don Bosco.

Il tema che caratterizza  il DON RUA DAY 2014 ha il seguente titolo : CITTADINI DEL…MONDO!

I ragazzi della scuola salesiana abili maestri nell’arte del riciclaggio, con creatività e sotto la guida dei loro professori,  allestiranno alcuni stand ciascuno dei quali è dedicato ad una nazione diversa, in vista anche dei prossimi mondiali di calcio.

Presso gli stand,  luoghi fisici di arte e cultura e gastronomia,  si potranno degustare anche piatti e prodotti tipici delle  diverse nazioni.

Questa edizione del DON RUA DAY si svolgerà anche all’insegna del canto e del divertimento , attraverso  un Festival musicale con tanti giovani protagonisti , che hanno superato la fase preselettiva e si esibiranno, come solisti o in gruppo,  in un clima di allegria e di sana competizione.

Il direttore dei salesiani, Don Gino Martucci così riassume lo spirito della festa, “Il don Rua day per noi rappresenta un momento di incontro, di festa, di gioia e di famiglia. Sarà l’occasione per salutarci; per narrarci le cose belle che siamo riusciti a realizzare insieme e, allo stesso tempo, sarà l’occasione per suggerirci modalità sempre nuove per poter rispondere al desiderio di crescita armonico dei nostri ragazzi e alle sollecitudini del tempo che viviamo….senza mai perdere di vista l’essenziale e scendere a patti con l’effimero. Che sia davvero una grande festa di famiglia ed un bel momento culturale, nella magia del cortile salesiano! Grazie a quanti vorranno partecipare a questa serata e un grazie particolare a  Don Rua, primo successore del Santo dei giovani, che ha amato la Calabria e Soverato e,  che vogliamo ricordare con le parole  di  Papa Paolo VI, “un atleta di attività apostolica, che (opera) sempre sullo stampo di Don Bosco, ma con dimensioni proprie e crescenti”. 

ALTRI ARTICOLI

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *