Politiche attive del lavoro, riunione in Provincia tra presidente Bruno e sindacati

RIUNIONE CON I SINDACATIPromuovere la convocazione di un tavolo che metta insieme istituzioni territoriali e Parti sociali per avviare percorsi diretti a favorire lo sviluppo e il consolidamento dell’economia locale. Lo scopo deve essere l’individuazione di processi virtuosi per la creazione di occasioni di occupazione, partendo prima di tutto dall’opportunità offerta da “Garanzia Giovani”, il Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile. E’ la proposta emersa nel corso dell’incontro che il presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, ha avuto questa mattina in materia di Politiche attive del lavoro, su richiesta dei rappresentanti delle organizzazioni sindacali. Presenti alla riunione, assieme al presidente Bruno e alla responsabile del settore Lavoro della Provincia, Rita Miscioscia, il segretario provinciale della Camera del Lavoro di Catanzaro-Lamezia Giuseppe Valentino; Domenico Zannino segretario generale della Fnp Cisl Territoriale; Eugenio Celi del coordinamento sindacati autonomi e Antonello Esposito responsabile Cpt Provincia di Catanzaro. La richiesta di incontro dei sindacati era finalizzata ad avviare una concreta interlocuzione tra soggetti interessati alle Politiche attive del lavoro sul territorio – da Confindustria alle associazioni datoriali, passando a cooperative e sindacati – con l’intento di incrociare, promuovere e verificare la possibilità di avviare i giovani ad un percorso formativo capace di incrociare necessità e competenze attraverso orientamento e tirocini. Si tratta, in sostanza, di procedere ad una profilazione attiva in grado di creare opportunità di lavoro concrete attraverso la promozione di un vero e proprio “collettore di idee” che arriva dalla spinta di tutti i soggetti coinvolti verso un impegno straordinario a livello territoriale volto a sviluppare politiche attive del lavoro, in cui – ha assicurato il presidente Bruno – la Provincia di Catanzaro sarà impegnata in maniera attiva.

ALTRI ARTICOLI

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *