La Rondine Edizioni di Catanzaro protagonista al Salone di Torino

Presentato il volume per ragazzi “Il Pitone” presso lo Stand della Regione Calabria

presentazione il pitoneL’editoria calabrese di successo è di scena al Salone internazionale del libro di Torino. Anche quest’anno La Rondine Edizioni di Catanzaro è protagonista presso lo stand della Regione Calabria dove ha proposto al pubblico due presentazioni che hanno riscosso un ottimo successo di partecipazione. Questa mattina l’attenzione dei lettori più piccoli, provenienti dall’Istituto Comprensivo “Peyron – Re Umberto” di Torino, è stata conquistata dalle avventure de “Il Pitone”, il volume edito per la collana Sorrisi che è stato presentato dall’autrice Mary Griggion e che ha ispirato anche il laboratorio di origami pensato proprio per stimolare la creatività dei bambini. Quella de “Il Pitone” è una favola dove le piccole cose del quotidiano entrano a far parte di un mondo fantastico la cui storia si sviluppa sul sottile filo che separa noi stessi dagli altri, i sogni dalla cieca ambizione che fa perdere di vista i valori importanti. All’incontro ha preso parte anche Flavia Foresto, curatrice del cartone animato “Il pitone” il cui trailer è stato proiettato in anteprima al termine del laboratorio. A moderare l’evento è stato Rodolfo Carpino che ha sottolineato il valore dell’iniziativa editoriale de La Rondine che si inserisce nel percorso già avviato con successo della collana e del progetto “Sorrisi” con l’obiettivo di promuovere la lettura e la scrittura creativa direttamente nelle scuole.

presentazione il pitone 2Le problematiche giovanili sono state al centro anche del secondo incontro promosso allo stand della Regione Calabria, in collaborazione con l’ANPE (Associazione Nazionale Pedagogisti Italiani), e dedicato al tema “Bullismo e cyberbullismo-Il Metodo Tree-s: come orientarsi alla genitorialità”. Tra i relatori sono intervenuti Rosa Maria Citriniti, presidente Anpe Piemonte, e Luisa Piarulli, presidente nazionale Anpe e autrice del libro “Il bullismo non esiste” con cui si sottolinea l’importanza di affrontare la problematica non come una malattia, ma quale modalità relazionale e di costruzione di sé inadeguato e, quindi, disumanizzante. Una tematica su cui si sono soffermate anche la pedagogista Sonia Pagliarino e la psicoterapeuta Miriam Jahier, autrici del volume “Il Metodo Tree-s” in cui, davanti alle complessità proprie legate allo svolgimento dei ruoli genitoriali, viene proposto un metodo educativo incentrato sul bambino e sull’utilizzo di tecniche che ne favoriscono il suo naturale processo di sviluppo. L’editore Gianluca Lucia ha evidenziato, quindi, che “è importante avviare un confronto sempre più ampio su problematiche fortemente sentite dai più giovani e discuterne specialmente con gli operatori scolastici al fine di sfatare tutti i tabù e costruire insieme giusti modelli educativi”.

ALTRI ARTICOLI

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *